Vai al contenuto

Vietnam: 5 cose da vedere a Tràng An, tra Ninh Binh e Tam Coc

Una lussurreggiante vegetazione e affascinanti panorami fanno da contorno a una vita semplice e povera: siamo nel Vietnam del Nord, un territorio selvaggio e prevalentemente rurale. A un centinaio di chilometri a sud della capitale Hanoi, sorge la cittadina di Ninh Binh, che offre alcuni degli scorci più belli di tutto il Vietnam e paesaggi tradizionali che contraddistinguono il Paese a tal punto da esserne diventati il simbolo.

Powered by GetYourGuide

Situata sulla sponda meridionale del delta del Fiume Rosso, l’area intorno a Ninh Binh, chiamata Tràng An, è caratterizzata da formazioni carsiche e ampie vallate. Nel 2014 è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Se stai programmando un viaggio in Vietnam, o sogni di farlo, ti consiglio di inserire Ninh Binh e Tràng An tra le mete da non perdere, e di pianificare di fermartici per almeno un paio di giorni. Cavità carsiche, bizzarre montagne, templi e pagode: in questo articolo ti porto alla scoperta di Tràng An e ti racconto cosa fare e cosa vedere in questa affascinante zona del sud-est asiatico!

Tam Coc: benvenuti in Jurassic Park

Se sei interessato alle bellezze paesaggistiche, ti suggerisco di evitare il centro di Ninh Binh, che non ha nulla di particolare da offrire ai turisti, e di dirigerti direttamente a Tam Cốc, un’area di campagna immersa nella natura e distante una decina di chilometri dalla città. Qui, splendide montagne di roccia calcarea, interamente ricoperte di vegetazione, si ergono come d’incanto da verdi e rigogliose risaie: ti sembrerà di essere improvvisamente entrato a Jurassic Park!

Le risaie di Tam Coc: sullo sfondo le suggestive montagne che caratterizzano il paesaggio del Vietnam del Nord.
Le risaie di Tam Cốc: sullo sfondo le suggestive montagne che caratterizzano il paesaggio del Vietnam del Nord.

Nelle campagne di Tam Cốc avrai la possibilità di rilassarti per qualche giorno, lontano dal traffico delle grandi città e dal loro inquinamento. I luoghi dove alloggiare, infatti, non mancano assolutamente. E tra questi ci sono anche molti ostelli, scelta particolarmente adatta a giovani e backpackers. Un’ampia pista ciclabile corre tra ampi pratoni e risaie, costeggiando il fiume Ngô Đồng: a piedi, o noleggiando una bicicletta, potrai esplorare la zona in totale libertà e rilassatezza.

Proprio sul fiume Ngô Đồng, potrai inoltre vivere una fantastica esperienza a bordo di piccole barchette a remi, che ti porteranno a navigare attraverso i caratteristici paesaggi di Tam Cốc e a passare per tre suggestive grotte scavate dal corso d’acqua: Ca Grotto, Hai Grotto e Ba Grotto. Pensa che, in vietnamita, “Tam Cốc” significa proprio “Tre Grotte”! Oltre al paesaggio, di sicuro sarai sorpreso dalla tecnica impiegata dai barcaioli per remare, decisamente alternativa: la maestria con cui i local manovrano i remi usando solo i loro piedi è da lasciare a bocca aperta!

L'ingresso di una delle grotte di Tam Coc, escursione in barca sul fiume.
L’ingresso di una delle grotte di Tam Cốc, durante l’escursione in barca sul fiume.

L’esperienza sul fiume costa 120 000 dong vietnamiti (al cambio attuale circa 4,50€) e include anche la navetta elettrica che porta fino al complesso di pagode di Bích Động e alla grotta di Linh Cốc, delle quali sto per parlarti!

Parlando di cibo, a Tam Cốc si trovano anche, oltre ai classici locali in cui provare le specialità vietnamite, tanti ristoranti che offrono cibo healthy (come smoothie bowl, cibi proteici e salutari) e piatti vegetariani o vegani: un’ottima occasione per variare un po’ rispetto ai piatti classici di questo Paese!

Le Mua Cave: Ninh Binh dall’alto

Uno dei luoghi imperdibili da visitare a Ninh Binh sono le Mua Cave, un piccolo complesso di templi e pagode situato a circa cinque chilometri da Ninh Binh e vicinissimo a Tam Cốc. Partendo dal centro, infatti, puoi raggiungere il punto di partenza di questa escursione a piedi o in bicicletta: la passeggiata (o pedalata) è molto piacevole proprio perché attraversa la campagna vietnamita! Il trekking vero e proprio, se così si lo può chiamare, consiste in una lunga salita fatta da ben 500 scalini in pietra.

Vista su Tam Coc (Ninh Binh) dalle Mua Cave.
Vista su Tam Cốc dalle Mua Cave. Si vedono la pagoda in cima alla scalinata e il laghetto dei fiori di loto tra le risaie.

Una volta arrivato in cima, dopo una discreta ma non intollerabile fatica, troverai un piccolo tempio, una pagoda e un grande dragone in pietra. Avrai inoltre una meravigliosa vista dall’alto sulle risaie e su un particolarissimo laghetto di fiori di loto, attraversato da ponticelli e passerelle in legno. Insomma, ne vale la pena!

Il biglietto di ingresso costa 100000 dong vietnamiti (3,75€ al cambio attuale). Il parcheggio per biciclette e scooter non è incluso: per lasciare il tuo mezzo dovrai pagare 10000 dong (pochissimi centesimi).

Ecco un prezioso suggerimento: visita le Mua Cave molto presto al mattino, oppure all’orario del tramonto. Infatti, essendo la scalinata in pietra completamente esposta al sole, durante il giorno le temperature sono davvero alte e il caldo umido può essere insopportabile! L’ingresso è consentito ogni giorno dalle 6 del mattino fino alle 19.

Il complesso di pagode di Bích Dong

Visitare il Vietnam significa anche provare a cogliere la cultura buddhista della popolazione locale: sempre nei pressi di Tam Cốc, infatti, sorgono alcuni templi e pagode che meritano una visita, e tra queste c’è sicuramente la pagoda di Bích Động.

Ingresso della pagoda di Bích Động, Tam Coc (Ninh Binh).
Ingresso della pagoda di Bích Động, Tam Cốc.

Incastonato nella roccia, il complesso di Bích Động è situato nei pressi del fiume Ngô Đồng, a circa tre chilometri da Tam Cốc: partendo dal centro la si può raggiungere con una camminata di tre chilometri (40 minuti circa) oppure in bicicletta. In alternativa, dal parcheggio di fronte al laghetto di Tam Cốc, partono delle navette elettriche che portano fino alla pagoda: il prezzo è incluso nel biglietto dell’escursione in barca alle Three Caves di cui ti ho parlato poco fa, quindi approfittane! L’accesso alla pagoda, invece, è gratuito.

Oltre alla bellissima pagoda principale, risalendo delle scalinate in pietra si possono raggiungere altre piccole pagode adagiate sul fianco della montagna, e delle cavità nella roccia popolate da tanti piccoli pipistrelli.

Il tempio di Thái Vi

Risalente al tredicesimo secolo, il tempio di Thái Vi è collocato nel bel mezzo della natura ed è circondato dalle risaie di Tam Cốc e dalle sue montagne calcaree. Sebbene sia molto piccolo, questo è anche uno dei più affascinanti templi buddhisti vietnamiti della zona.

Vista dall'alto del tempio di Thái Vi. Foto di Sara Bertoncello.
Vista dall’alto del tempio di Thái Vi. Foto di Sara Bertoncello.

Il tempio si raggiunge dal centro di Tam Cốc in appena 20 minuti di camminata, ma anche in bicicletta seguendo la comoda pista ciclabile che parte dal laghetto. Di fronte al tempio c’è un ampio parcheggio libero, e l’ingresso è gratuito.

Arrivato al tempio, l’anziano custode ti accoglierà nello spazio interno, e suonerà per te degli strumenti musicali tipici della tradizione vietnamita, rendendosi anche disponibile a farteli provare in prima persona.

La grotta di Linh Coc

Se stai cercando un’attrazione poco frequentata e lontana dalle rotte turistiche, ecco ciò che fa per te: situata a 3,5 chilometri da Tam Cốc e raggiungibile con una camminata di 45 minuti, la grotta di Linh Cốc è piccola e angusta, ed è accessibile solo tramite una guida.

Una volta arrivato sul posto, sarai accompagnato all’interno della cavità, attraverso uno stretto passaggio che conduce a poche stanze un po’ più ampie. Al loro interno vi sono formazioni calcaree, stalattiti e stalagmiti di varie forme e dimensioni, illuminate da discutibili luci artificiali colorate (un’abitudine che i vietnamiti, purtroppo, hanno), che hanno la particolarità di emettere dei gradevoli suoni quando vengono colpite nel modo corretto. Nella grotta sono state collocate anche statue del Buddha e altri riferimenti alla fede buddhista.

La visita dura appena pochi minuti, ed è gratuita per chi ha acquistato il biglietto per l’esperienza in barca alle Three Caves; in caso contrario, l’accesso costa 20000 dong vietnamiti (0,75€): un prezzo davvero irrisorio per gli standard europei!

Conclusioni

In questo articolo ti ho descritto le principali cose da fare e da vedere in un paio di giorni nella regione di Ninh Binh, girovagando tra Tam Cốc e altre celebri attrazioni dell’affascinante area di Tràng An.

Se dovessi avanzare del tempo, ti suggerisco di investirlo visitando l’Antica Capitale di Hoa Lư, risalente al decimo secolo e dove sorgono antichi templi e pagode, oppure la grande pagoda di Bái Đính. Entrambe queste attrazioni sono più lontane da Ninh Binh e Tam Cốc rispetto a quelle di cui ti ho parlato, e per raggiungerle dovrai necessariamente noleggiare uno scooter o muoverti tramite l’applicazione Grab (qui ti spiego cos’è e come funziona!). Visitarle ti richiederà inoltre più tempo: una giornata intera per Bái Đính e una mezza giornata per Hoa Lư.

Stai organizzando un viaggio in Vietnam e hai delle domande per me? Lascia un commento, o contattami direttamente: sarò felicissimo di rispondere a tutte le tue curiosità!

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a leggere il mio blog: su queste pagine continuerò a raccontarti delle mie avventure in Vietnam, negli altri paesi del sud-est asiatico e del mondo. Seguimi anche sui social per non perderti contenuti sempre nuovi!

Stai organizzando il tuo viaggio e hai bisogno di aiuto? Pianifichiamo insieme il tuo itinerario!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *